La piramide di Bravia

15.10.07

La piramide di Bravia

Dopo i coniglietti, Sony Bravia sceglie l'Egitto i rocchetti.
Stesso concetto di base, ma nuova agenzia. Questa volta, infatti è la Young & Rubicam di Singapore a firmare questo nuovo capolavoro:

E la Fallon? Che fine ha fatto l'agenzia che ha dato il via a questo fortunato filone di ad?

UPDATE: sono stati utilizzati 20.000 rocchetti
Credits
Product: Sony Bravia
Agency: Y&R Singapore
Executive Creative Director: Rowan Chanen
Art Director: Scott McClelland/Kirsten Ackland
Copywriter: Edward Ong/Rowan Chanen
Agency Producer: Kim Lim
Producer: Karen Kloppers
Editor: Ricky Boyd/Deliverance
Director: Keith Rose
Production: Velocity Films
IQ Artist: Heino Henning
eQ Artist: Charmaine Greyling
Music: Robert Schroder/Lorraine Shannon

via, via


di meghi | 09:00:00 | Permalink 6 commenti
categorie:brand-new

Indirizzo Trackback per questo post:

http://www.spotanatomy.info/htsrv/trackback.php/2427

Commenti, Trackbacks, Pingbacks:


gianluca [Visitatore] Email · http://www.advertiti.wordpress.com
credo nn ci sia paragone con i 3 capolavori che ha tirato fuori fallon negli ultimi anni.
ma la fallon ha perso il budget? avete qualche notizia in +?
PermalinkPermalink 15.10.07 @ 09:13

Andrea [Visitatore] Email
Per me sono sempre più brutti scusate: vogliamo mettere un'esplosione di un colore contro un semplice insieme di fili? Sta perdendo forza. Mah...in ogni caso insisto con la mia curiosità: anche qui sono stati usati milioni di rocchetti di filo???
PermalinkPermalink 15.10.07 @ 11:40

Andrea [Visitatore] Email
Ecco, 20.000 rocchetti di filo!!!!!!!!! AHHHHHHHHHH....evviva i rimedi della nonna! Ma almeno poi ci hanno fatto una bella sciarpona di Missoni?
PermalinkPermalink 15.10.07 @ 17:08

mi586 [Visitatore] Email · http://mi586.blogspot.com
a me è piaciuta...molto di più di quella dei coniglietti! poi l'idea delle piramidi colorate..mica male!!!:)
PermalinkPermalink 15.10.07 @ 20:46

Bonny [Visitatore] Email
concordo con mi586.
l'impatto visivo è meno forte rispetto alle prime due, ma è di sicuro più eclatante.
credo anche possa fare più presa sul pubblico, ricordare le piramidi a colori è una cosa, ricordarsi delle zone urbane "sporche" di colore è un'altra.
PermalinkPermalink 16.10.07 @ 01:23

Andrea [Visitatore] Email
Bè Bonny personalmente ritengo che il target di riferimento abbia più familiarità con le zone urbane che non con le piramidi. Usare l'urbano non toglie secondo me "straordinarietà" alla comunicazione perchè contrappone il grigiore e degrado dell'urbano all'intensità e quantità del colore. In altre parole non vedo perchè ricorrere allo straordinario delle piramidi.
PermalinkPermalink 16.10.07 @ 11:39

Lascia un commento:


Your email address will not be displayed on this site.

Your URL will be displayed.

Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email e url)
(Permetti agli utenti di contattarti attraverso il form dei messaggi (la tua email non sarà mostrata.))
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Please enter the characters from the image above. (case insensitive)



Sitemap