Bella scoperta

28.11.06

Bella scoperta


E' partita un'accesa discussione in merito alla campagna stampa per il Motor Show di Bologna di quest'anno.
In particolare, molti si sono chiesti quale sia l'interpretazione da dare all'headline "Bella scoperta" in relazione al visual dell'annuncio.
Prima di fare qualsiasi considerazione in merito, vi invitiamo a dare la vostra interpretazione ed a segnalare quanto sia chiaro il messaggio.
Scatenatevi pure...


di nyky | 15:00:00 | Permalink 17 commenti

Indirizzo Trackback per questo post:

http://www.spotanatomy.info/htsrv/trackback.php/1019

Commenti, Trackbacks, Pingbacks:


magsi [Visitatore]
secondo me giocano sul senso di "scoperta" riferita all'auto decappottabile e di sorpesa di sapere che la gioconda sarebbe andata in giro in auto sportiva.
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 16:12

mario [Visitatore]
Ma il motorshow non è una rassegna per sole decappottabili!
Così si da quell'impressione.
Io lo concepisco più come un: "la scoperta è che la gioconda andava in auto"
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 16:22

giovanni [Membro] Email
l'auto scoperta da un'impressione di gioventù, di sportivo di movimento che legato al capolavoro "gioconda" trasferisce al motor show un'immagine dinamica ma con la fama di un capolavoro. Almeno credo. Adesso domando ai creativi poi vi faccio sapere.
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 17:34

P [Visitatore]
Secondo me, la campagna non é mimimanmente all'altezza di quelle degli scorsi anni. In particolare mi ricordo quella 2004, se non sbaglio "La passione é servita" dove la tavola veniva imbandita con pezzi di auto o di moto, nel primo caso il piatto era un volante, nel secondo un disco di un freno.
E anche quella del 2005 "Cosa vuoi fare da grande" col bimbo che riparava la carrozzina....
Questa nn mi dice nulla
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 17:38

Roberto da Genova [Visitatore]
Non facciamo come di consueto "dietro......" ormai l'importante è colpire. La Gioconda andrà sempre a colpo sicuro. E' il dipinto più conosciuto al mondo. A livello etico bisognerebbe sentire cosa ne pensa l'autore. Ai posteri la risposta via mail!!! Saluti alla Rete da Genova
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 17:48

meghi [Membro] Email
bene! siamo arrivati al punto in cui, per capire cosa un pubblicità vuole trasmettere, è necessario chiederne il senso ai creativi...siamo rovinati!
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 17:57

stefano [Visitatore] · http://copyandwriter.blogspot.com/
Ma con un'immagine così forte legata al logo dell'evento (conosciuto e riconoscibile), c'era davvero bisogno di "fare" un titolo?

Una volta mi ricordo di aver letto: .

PermalinkPermalink 28.11.06 @ 17:59

stefano [Visitatore] · http://copyandwriter.blogspot.com/
Opss, non mi ha scritto la parte finale del commento.. :-)

Ecco cosa ho letto:

"Un copywriter scrive, un copywriter a volte non scrive"
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 18:01

nyky [Membro] Email
Bella questa!
PermalinkPermalink 28.11.06 @ 18:07

giovanni [Membro] Email
Si Meghi, siamo rovinati. Non sempre per fortuna. Ma sempre più spesso, purtroppo.
PermalinkPermalink 29.11.06 @ 18:35

meghi [Membro] Email
...io resto fiduciosa nel futuro, creativo!
PermalinkPermalink 29.11.06 @ 18:51

arthur [Visitatore]
e poi: perché è stata scelta la Giocanda come testimonial? Che nesso c'è con le automobili e il salone? Che nesso c'è tra l'arte e una fiera automobilistica? Perchè la Gioconda dovrebbe salire su una decappottabile per recarsi al salone? Che senso di identificazione c'è, da parte del pubblico, con un testimonial del genere?
Ho tanto l'impressione che si volesse fare soltanto scena. E che la si sia fatta male. Molto male.
PermalinkPermalink 29.11.06 @ 23:05

P [Visitatore]
arthur: L'AUTOMOBILE E'ARTE!
Per il resto sono d'accordo con te, mi sono visto tutti i motorshow dal 93....mi identificavo di più con il neonato che riparava la carrozzina, ma questo forse é più un giudizio personale....questa creatività non trasuda la passione per i motori che dovrebbe essere l'anima del motorshow, anche se negli ultimi anni si é cambiato tanto. Ora é quasi un vero salone internazionale, e forse anche le creatività si devono adattare ad un target più adulto.
PermalinkPermalink 30.11.06 @ 09:55

passavo [Visitatore]
Un target più adulto certo! Ma perchè non femminile? Ed ecco servita non una semplice figura di donna, ma una donna-capolavoro! Non una scollacciata e provocante, ma una piena di fascino e ammiccante!
Donne e motori come connubio possibile non più soltanto nell'immaginario maschile...Vento in faccia e auto sportiva poi completano il quadro, strizzando l'occhio a tutte coloro che si sentono dinamiche, sportive, libere.
"Bella scoperta"...la bella c è, l'auto scoperta pure...la bella scoperta è delle donne nei confronti del motorshow, forse prima considerato un pò troppo regno degli uomini...diventa perciò un luogo attinente all'essere e al sentirsi donna.
L'attenzione verso il target femminile credo sia un trend abbastanza consolidato negli anni, un esempio su tutti..."do you speak Micra?", ragazza irriverente che sfida a braccio di ferro sul cofano dell'auto un uomo attonito e sorpreso...
PermalinkPermalink 01.12.06 @ 17:55

nyky [Membro] Email
Ecco un'altra interpretazione, per giunta molto interessante.
Resta il fatto che, se questo fosse lo scopo della creatività, si tratterebbe di un fallimento, a giudicare da tutti coloro che non l'hanno capita...
PermalinkPermalink 02.12.06 @ 10:27

zaf (già passavo) [Visitatore]
Quoto la citazione di stefano
"Un copywriter scrive, un copywriter a volte non scrive".
Non è indispensabile l'esplicitazione del concept. Molto più spesso si preferisce snellire il body del messaggio e lasciare il solo pay-off. Nel caso della cartellonistica questo è sempre più diffuso. Chi, di passaggio in auto, si fermerebbe a leggere un poema affisso su un cartellone?
La scelta, saggia o meno che sia, affida a questa esclusiva porzione di testo tutta la portata comunicativa della campagna, stimolando allusioni e suggestioni.
Che la comprensione di un messaggio sia l'obiettivo di una campagna è si assodato, ma non è esclusivo. Si possono stimolare anche delle leve più profonde della comprensione.
Quanti di voi "capiscono" molte pubblicità di profumi per esempio? C'è un messaggio chiaro o sono solo suggestioni che si vogliono evocare?
Nel caso di un salone-fiera come il motorshow è forse un pò azzardato, ma non è in fondo anche questo "creativo"?
Per la serie "Chi VUOLE capire, capisca"...
PermalinkPermalink 02.12.06 @ 11:18

arnald [Visitatore] · http://www.linkjet.it
Idiots.
Ricordate poste italiane?
"Bella scoperta" era il titolo utilizzato per dire che dover dire a tutti che le poste offrivano tot servizi era come socoprire l'acqua calda, ma alla fine te lo dicevano. In questo caso il riferimento è al Codice da Vinci e a tutti i misteri nascosti dietro il dipinto della Gioconda e ancor di più all'emozione che si prova nel vedere o leggere le minchiate di Dan Brown. L'emozione vera è sempre li, anno dopo anno a bologna. "Bella scoperta".
PermalinkPermalink 03.12.06 @ 14:47

Lascia un commento:


Your email address will not be displayed on this site.

Your URL will be displayed.

Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email e url)
(Permetti agli utenti di contattarti attraverso il form dei messaggi (la tua email non sarà mostrata.))
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Please enter the characters from the image above. (case insensitive)



Sitemap