Piccoli ciclisti crescono

19.07.06

Piccoli ciclisti crescono

Il filone del "Dopate i vostri bambini" continua con quest'AD.
Dopo il Sustagen, ecco un altro caso in cui si tenta di sostituire al pane e marmellata, un "semplice", "pratico", "veloce" integratore sintetico di vitamine.

via Advertising/Design Goodness


di nyky | 18:00:00 | Permalink 4 commenti


Commenti, Pingbacks:


yoriah [Visitatore] · http://www.blogs4biz.info
Pur non condividendo affatto la politica del "fai le pere a tuo figlio così diventa grande e forte", trovo l'AD in questione delizioso.
PermalinkPermalink 20.07.06 @ 11:50

nyky [Membro] Email
A dire il vero trovo che pecchi un po' di originalità. Ricordi la scena di uno dei film di Fantozzi, nel qualie giocava al tiro al piattello ed abbatteva un aeroplano?
A discolpa degli Art c'è però da dire che all'estero Fantozzi è sconosciuto.
PermalinkPermalink 20.07.06 @ 13:14

ettore [Visitatore] Email
Salve. Ho 19 anni, sono ex ciclista agonista e neo allenatore, uno di quelli che i giovani ciclisti tenta di farli crescere davvero. Devo innanzi tutto ammettere che mi trovo assolutamente daccordo con lei, purtroppo la tendenza da lei delineata rispetto all'abbandono di una sana educazione alimentare è gravemente reale. Però, per favore, basta con i facili pregiudizi contro il ciclismo. Il doping e le chiacchiere intorno ad esso vivono nell'ignoranza, degli atleti quanto dei preparatori, e troppo spesso anche dei giornalisti. Non ho esperienza, lo ammetto, ma per poter essere a contatto con i giovani ho dovuto affrontare un corso di preparazione, con relativo esame e tirocinio. Li non mi hanno insegnato a drogare i bambini, ma a farli divertire. Quanto poi al mondo del professionismo, per favore, cerchiamo di aprire gli occhi. Non dico che non esista chi faccia uso di sostanze illecite (e peraltro pericolose), ma è possibile, tuttavia, che nessuno si accorga che di tutti i controlli realizzati in tutti gli sport, solo quelli del ciclismo debbano essere così pubblicizzati?! E che è il ciclismo l'unico sport nel quale i controlli anti-doping sono OBBLIGATORI nelle gare dai 16 anni in su, quando nel calcio, per esempio, non se ne parla fino alla serie D?! Rendiamoci conto di questo, per lo meno: sono 4 anni che salta fuori il discorso del doping ad una settimana prima dalla partenza del giro. A lei che capisce di pubblicità il compito di giudicare se questo possa implicare o nascondere qualcosa. Grazie e scusi il disturbo. Se volesse contattarmi, ho lasciato la mia mail. ciclista2
PermalinkPermalink 15.05.07 @ 23:52

nyky [Membro] Email
Ettore, sono straconvinto che il doping non sia un fenomeno limitato al ciclismo, ma che sia una pratica diffusa nel mondo dello sport.
Sono altrettanto convinto che sia molto difficile da arginare, anche perchè ,quando il denaro comincia a circolare, qualsiasi sport diventa un lavoro, e come tale si deve fare sempre di più e meglio per potersi affermare.
Sicuramente il ciclismo è sotto gli occhi di tutti, perchè per numerosi motivi è stato associato al doping più di altri sport.
Sinceramente, ogni volta che guardo un giro d'italia, la domanda che mi sorge spontanea è la seguente: "Come è umanamente possibile che una persona possa percorrere una media di 200km al giorno a velocità superiori ai 40 all'ora, per due settimane consecutive? Probabilmente lei mi smentirà (e ne sarò ben lieto) ma trovo che una condizione del genere si possa raggiungere solo "aiutandosi" in qualche maniera nelle settimane e nei mesi precedenti alle competizioni.
A mio avviso questa caccia al colpevole è del tutto inutile, per me dovrebbero cambiare le regole dello sport. Dal momento che non si possono controllare tutti, il doping andrebbe liberalizzato.
"Da oggi, cari sportivi, potete assumere qualsiasi sostanza, il miglior atleta sarà quello che riesce a rimanere vivo alla fine di una competizione", in questa maniera si eviterebbero tante inutili ipocrisie...
PermalinkPermalink 16.05.07 @ 09:37

Lascia un commento:


Your email address will not be displayed on this site.

Your URL will be displayed.

Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email e url)
(Permetti agli utenti di contattarti attraverso il form dei messaggi (la tua email non sarà mostrata.))
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Please enter the characters from the image above. (case insensitive)



Sitemap