L'ultima cena della censura

09.05.06

L'ultima cena della censura


Faccio un tuffo nel passato, per riportarvi una notizia che dimostra, ancora una volta, come il Codice da Vinci di Dan Brown, abbia influenzato non solo letteratura e cinema, ma sia andato ben oltre.
Questa è un'affissione pubblicitaria creata dall'agenzia Air per la casa di moda Marithé e François Girbaud. L'immagine è una rappresentazione de l'ultima cena di Leonardo da Vinci, in versione femminile. Un'idea interessante e d'effetto che, però, nessuno ha potuto apprezzare in Italia, perchè è stata censurata dal comune di Milano e dall'Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. Fin dove è lecito spingersi per fini commerciali? E perchè un seno nudo è accettato mentre un'immagine che ha ben poco di offensivo no? Le opinioni delle due parti le trovate qui.


di nyky | 09:00:00 | Permalink 3 commenti


Commenti, Pingbacks:


CARLO [Visitatore]
HO parlato cn persone che credono in quello che hanno letto e nel film "il codice da vinci" che ignoranti! credere in un romanzo! mi meraviglio di chi ha letto "Il signore degli anelli" e non crede nell'esistenza degli orchi o degli elfi. Questa è gente che non ha una fede salda ma superficiale! Gesù Venne venduto per 30 denari e continua ad essere venduto. VERGONA!! ecco cosa ho trovato su internet; un teologo (esperto in campo religioso) ha scritto questo: Il mio giudizio è fantozziano: una ........ pazzesca! Motivo: gli americani non rispettano la realtà storica in quanto privi di storia, nei romanzi e nei film (sono terrorizzato dal prossimo film su Alessandro Magno!), per cui non dovrebbero scrivere romanzi storici. Chi è l'autore? Un WASP laicizzato. Cioè puritano, sessuofobico, anticattolico (gli USA sono più anticattolici degli arabi, e il razzismo per italiani e irlandesi non è nemmeno strisciante come quello per i neri), maschilista e finto-liberal. Tutto il romanzo lo dimostra: si regge su una serie di menzogne storiche, come la cancellazione del femminino sacro dal cristianesimo ad opera della Chiesa (e la venerazione per la Madonna, cos'è?), dimenticando che Papa Luciani dichiarò che Dio è Padre, ma anche Madre, poiché a Dio non può mancare l'amore materno, unico nelle donne ("li fece a sua immagine e somiglianza..."); sulla falsità del Concilio di Nicea del 325 (vorrei spiegare ma non c'è spazio: ma i dogmi sono espressione del Vangelo e vengono sanciti per chiarezza, non vengono inventati di volta in volta. I Vangeli bastano, e gli apocrifi sono tali in quanto posteriori ai testimoni oculari); su una storia falsa sui Templari (volete un romanzo storico esoterico ben scritto su questi argomenti? Il "Pendolo di Foucault" di Eco: altro spessore!); su errori storici (niente comunità ebraiche in Francia prima del 70 dC. che proteggessero la discendenza di Gesù, peraltro odiato dagli ebrei). Inoltre l'odio per l'Opus Dei del santo Escrivá deriva dal successo di conversioni che proliferano negli USA: dipingerla come una setta di fanatici è irrispettoso, soprattutto per le falsità riportate. Concludo: se il prossimo romanzo di Brown dirà che Piazza S. Pietro è la pista di atterraggio per alieni favoriti dal Papa contro l'umanità, che questo si è sempre saputo ma la Chiesa lo ha occultato, non mi stupirei: sarebbe un'opera più veritiera del "Codice Da Vinci". Questo è parlare!
PermalinkPermalink 22.05.06 @ 13:07

nyky [Membro] Email
Beh, la tua analisi approfondita dimostra come sia l'ignoranza, a dover essere messa al palo, e non Dan Brown, che tutto sommato ha svolto il suo mestiere di scrittore, mescolando verità e bugie. Tra l'altro, egli stesso ha più volte chiarito la non veridicità delle tante affermazioni del libro; addirittura, in alcune edizioni straniere, tale chiarimento è stato inserito all' inizio o alla fine del romanzo. In italia la casa editrice ha ritenuto che ciò non fosse necessario. Personalmente credo che un certo mea culpa lo debba fare anche la chiesa, sia perché questo fenomeno dimostra il fatto che non è riuscita a chatechizzare a dovere i propri fedeli, sia perchè in certi casi, il silenzio mette a tacere le polemiche più di tante parole.
PermalinkPermalink 22.05.06 @ 20:57

Federico [Visitatore]
Perchè se lecchi il culo alla Chiesa (ente astratto) non ti puzza l'alito. Perchè fare i bigotti benpensanti porta voti nelle tasche dei partiti. Perchè la nostra società è talmente indottrinata da non esercitare più la benchè minima forma di ragionamento critico autonomo.
Siamo colmi di pregiudizi, sessofobici, crediamo nella vita eterna e siamo convinti che chi ci parla da un pulpito abbia ragione perchè quella ragione glie la infonde Dio stesso. Proprio come a quel vescovo polacco che....
PermalinkPermalink 10.01.07 @ 23:22

Lascia un commento:


Your email address will not be displayed on this site.

Your URL will be displayed.

Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email e url)
(Permetti agli utenti di contattarti attraverso il form dei messaggi (la tua email non sarà mostrata.))
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots.

Please enter the characters from the image above. (case insensitive)



Sitemap