Dettagli del messaggio: Perfetti Van Melle risponde ai lettori di Spotanatomy

19.02.07

Perfetti Van Melle risponde ai lettori di Spotanatomy

Visto l'acceso dibattito sulla pubblicità della Daygum Protex, abbiamo chiesto l’intervento di Margherita Castellani, direttrice della Selection, l’agenzia che ha curato la realizzazione del famigerato spot del “piccione”.

I numerosi commenti negativi lasciati su Spotanatomy non sembrano aver sorpreso Margherita Castellani che, per conto della Perfetti Van Melle, ci ha dichiarato:

“[...] è sempre spiacevole urtare la sensibilità dei consumatori. Essa è però talmente soggettiva che soprattutto in ambito pubblicitario un certo grado di non consenso risulta fisiologico. [...]
[...] Per distinguersi, gli spot devono essere impattanti e giocare in modo ironico come in questo caso con l’iperbole e la surrealtà. [...] I limiti, in termini di buon gusto, che noi addetti ai lavori ci poniamo sono quelli della sensibilità comune. L’interpretazione personale risulta però spesso variegata e va oltre le nostre intenzioni, come i presunti riferimenti sessuali addebitati al nostro commercial. Come tutte le opere della creatività, è plausibile che il messaggio possa vivere e mutare a seconda delle reazioni dei suoi fruitori [...]”.

Ai pochi lettori che hanno lasciato un commento in difesa dello spot, hanno addotto la motivazione ludica e cartoonistica. Ed infatti era proprio questo l’intento del filmato: [...]un piccione che finisce in modo esplicitamente fasullo nella bocca di un malcapitato ragazzo si rifà a un certo humor inglese e cita le iperboli del mondo dei cartoon. Le nostre comunicazioni si sono sempre distinte per un certo grado di irriverenza, peculiarità che ci ha fatto ottenere importanti riconoscimenti nazionali e internazionali. [...]

In conclusione: o la maggior parte dei lettori di Spotanatomy non è dotata di humor inglese o lo spot non è riuscito a “[...] rispondere ai requisiti di chiarezza e comprensibilità del messaggio che l’azienda vuole veicolare. [...]”.
Tertium non datur!

Qui l'intervento integrale di Margherita Castellani

di meghi 09:00:00
Categorie: 4dummies,
Permalink 24 commenti

Commenti, Pingbacks:

Commento di: nessuno [Visitatore] · http://no-luogo.it
Che dire in linea di massima si può essere d'accordo con la signora anche se una scena vista in un cartone fa un effetto proprio perché è un cartone e ne fa un altro in un filmato.
Personalmente sono avezzo allo humor nero e non solo a quello inglese ma quando passa questa pubblicità cambio canale.
Permalink 19.02.07 @ 10:02
Commento di: Andrea [Visitatore]
A me lo spot è piaciuto, e come dice Margherita il gusto degli spettatori è molto vario, mi rendo conto infatti che i piccioni sono dei topi con le ali e moltissime persone si potrebbero sentire addirittura male guardando lo spot.
Io lo trovo divertente, forse perchè non considero i piccioni disgustosi come topi, anche se trovarsi un volatile o un roditore in bocca per altro infilatosi dalle chiappe dovrebbe dare lo stesso risultato, l'ospedale!!Altro che gomme.
Fortunatamente non credo di essere dotato di humor inglese e di primo acchitto le critiche su questo blog mi sono sembrate esagerate. Poi ho pensato che se fosse stato un cartoon o un film i commenti sarebbero stati troppo bacchettoni, ma in fondo gli spot se la meritano un pò di dura critica, perchè la pubblicità non è fine a se stessa: cerca sempre il modo di procuraci delle reazioni, anche negative pur di vendere un prodotto.
Permalink 19.02.07 @ 11:28
Commento di: parolamia06 [Visitatore] · http://lodireicosi.splinder.com
mah!
io la trovo "disgustosa" nel senso letterale del termine. ci sono modi e modi per attirare l'attenzione in campo pubblicitario.
e poi, scusate, il piccione è notoriamente un uccello che crea un pò di fastidio e dà un senso di sporco. magari avessero usato un altro volatile... che ne so, un passerotto... no vabbè, leggendo certe insinuazioni che si sono fatte forse sarebbe stato pure peggio!
Permalink 19.02.07 @ 12:16
Commento di: stan [Visitatore]
che belle parole. come si riconosce la gente abituata a parlare tanto a lavoro.
io ho una domanda: ma lo spot... cosa promuove???
motorini?

mi sembrava di saperlo...
Permalink 19.02.07 @ 12:59
Commento di: ilvi [Visitatore]
Io la vedo così. Come avevo già detto anche se la scena mi fa un po' senso, apprezzo l'originalità. Non mi convincono molto però alcune cose di questa spiegazione. Se il punto è l'humour, si potevano fare altre scelte di regia, che rendessero tutto più sfumato (che ne so, inquadrature di schiena, dettagli...). Invece si è peferito fare un lavoro di post-produzione perfetto, che rende il tutto ben poco "esplicitamente fasullo".
Secondo me Daygum e Selection lo sapevano benissimo che si sarebbe parlato del disgusto implicito in questo spot e che ci sarebbero state opinioni contrastanti: hanno fatto una scelta precisa e hanno "rischiato" . Ora: parlare, se ne parla, qualcuno sa come vanno le vendite?
Permalink 19.02.07 @ 13:39
Commento di: silvia [Visitatore]
divertente ironica non banale mi diverte un casino
Permalink 19.02.07 @ 13:53
Commento di: AAA Copywriter [Visitatore] · http://www.aaa-copywriter.it/
Cme sempre, è una questione di numeri. Se il numero di spettatori (in target!) che ha gradito lo spot supera significativamente il numero di qelli ai quali non è piaciuto, il gioco è fatto. ma non mi pare che questo sia li caso...

Alex
Permalink 19.02.07 @ 14:03
Commento di: roberto [Visitatore]
amo molto la pubblicità in genere, ma questa proprio non ci siamo.Lasciamo l'humor inglese agli inglesi; alla sig.ra Castellani e alle sue giustificazioni ricolme di bla bla bla, dico che da tre anni sono un grosso consumatore di Daygum, ma a causa della Sua pubblicità ho cessato l'acquisto di Daygum preferendogli altre marche
Permalink 19.02.07 @ 14:09
Commento di: AAA Copywriter [Visitatore] · http://www.aaa-copywriter.it/
Come sempre, è una questione di numeri. Se la quantità di spettatori (in target) cai quali è piaciuto lo spot supera quello di chi non lo ha gradito, il gioco è fatto. Ma non mi pare qche questo sia il caso...

Alex
Permalink 19.02.07 @ 14:09
Commento di: enrico [Visitatore]
buongiorno, non credo che i numeri possano essere quantificati in relazione a quanti scrivono su internet hai altri dati?
Permalink 19.02.07 @ 14:26
Commento di: MICK [Visitatore]
Avete presente gli spot parmigiano reggiano? Quelli con i balletti e la mano monca che grattugia? Erano tutti parte di un viral. Lo scopo era che se ne parlasse... qui mi sembra molto simile la questione...
Permalink 19.02.07 @ 14:50
Commento di: nessuno [Visitatore] · http://no-luogo.it
Beh io so di persone che canticchiavano la canzoncina della pubblicità del parmigiano, segno che aveva fatto breccia. Nutro forti dubbi che arrivino su youtube frotte di scolari che si riprendano al cellulare con un piccione in bocca.
(Pensandoci bene se la Sig.ra Castellani riuscisse a far scandalo con la moda degli scolari ed i piccioni su youtube, avrebbe capovolto magistralmente una storia, secondo me, infelice)
Permalink 20.02.07 @ 07:19
Commento di: Maverick [Visitatore]
Questo e' tutto fuori che uno spot umoristico... Personalmente il ribrezzo causato dalla situazione mi chiude la bocca dello stomaco e trovo la scenetta tutt'altro che comica, tanto che poi non ho piu' voglia di mangiare....Forse si potrebbe proporre il format a quelli del Bogumil o della Weight Watchers :)
Permalink 20.02.07 @ 11:40
Commento di: TIZIANA [Visitatore]
CON PIACERE, TROVO UNO SPAZIO DOVE POTER ESPRIMERE IL MIO TOTALE DISSENSO VERSO QUESTI SPOT A MIO PARERE INGUARDABILI,ED AGGIUNGO CHE NON E' L'UNICA DELLA SERIE CHE PUBBLICIZZA I CHEWING -GUM, PIUTTOSTO SQUALLIDA.
Permalink 20.02.07 @ 12:02
Commento di: Ultime-Notizie.eu [Visitatore] · http://www.ultime-notizie.eu
La pubblicità fa pensare ma non arriva dritta al messaggio. La voce fuori campo da un incipit senza motivare perchè il piccione finisce in bocca. La pubblicità poteva essere completata visto che non c'è nesso logico tra tutte le varie immagini.
Permalink 20.02.07 @ 13:07
Commento di: Giuseppe [Visitatore]
Finalmente, si trova un posto dove poter esprimere il mio totale dissenso verso questo spot, che a mio dire, è veramente disgustoso, e sopratutto,cm è capitato, se va in onda durante i pasti. io sn arrivato al punto di cambiare canale o cmq girarmi la faccia, appeno vedo solo l'inizio dello spot. decisamente uno spot mal riuscito!
Permalink 20.02.07 @ 13:22
Commento di: michela [Visitatore]
interessante, sprezzante... divertente in modo insolito.. leggera e spensierata.. supera i canoni a cui ormai siamo abituati... la diversità ancora una volta sconvolge?
Permalink 20.02.07 @ 15:57
Commento di: ucci [Visitatore]
buongiorno, anche io sono per i si divertente simpatica e assolutamente chiara il piccione finisce in bocca perche lui si distrae ed apre la bocca per fischiare alla ragazza le immagini sono sempre piu' forte dei testi
Permalink 21.02.07 @ 09:54
Commento di: Diego [Visitatore]
Mah. Io l'unica critica che posso muovere a questo spot è che a parer mio è molto "forzato".

Non si capisce bene il motivo per il quale ato piccione finisce in bocca al motociclista. Cioè si parte (suppongo) da una soggettiva del piccione che vede un pezzo di cibo o qualcosa di simile a terra per cui (intuiamo) vada in mezzo alla strada (con un movimento di macchina discutibile) Poi una ragazza passa e sempre si suppone che il motociclista si distragga. E qui c'è qualcosa che non va perchè il piccione finisce nel buio della bocca (di testa) e poi lo si vede incastonato dall'altro lato.

La regia è rivedibile e comunque tutto lo sviluppo dello spot e pieno di particolari che non servono.

Bastava (con visione in terza persona) far attraversare una ragazza che faceva volare via i piccioni e poi far passare il motociclista che distraendosi se ne beccava uno in bocca.

Di "cartoon" in questo spot non v'e nulla nè nei tempi nè nel carattere.
Permalink 21.02.07 @ 13:26
Commento di: happy apples [Visitatore]
io sinceramente non vedo dove sia lo scandalo. Certo può far schifo pensare di trovarsi a dover sputare piume di piccione.
Ma a mio parere si vede un certo tipo di ironia citata da Margherita Castellani (la gag anglosassone surreale), mentre trovo del tutto errato correre come al solito ai ripari e richiamare il cartoon per giustificare le cose.
La surrealtà è chiara dal primo momento, dato che noi siamo il piccione, che evita le macchine e i passanti per beccare un pezzo di pane.
Polemiche del tutto infondate a mio parere perciò, se non per il fatto che uno può avere paura o schifo dei piccioni (ma per quante altre cose vale?)

Infine ai proclamatori dell'idea della metafora sessuale (ma come vi è venuta in mente? o siete adolescenti o siete malati!) dico che l'epoca dell'analisi freudiana al tutto, e specialmente ai prodotti artistici - o comunque creativi, come in questo caso - è FINITA. Un modo decisamente arretrato e stantio di vedere le cose.
Permalink 21.02.07 @ 16:07
Commento di: pippo [Visitatore] · http://farinpippo
PER ME QUESTA E' UNO SPOT
DI QUARTA SERATA ,
NON DI PRIMA SERATA QUANDO LA GENTE STA CENANDO,
Permalink 22.02.07 @ 19:02
Commento di: fabius [Visitatore]
Tra l'altro la Perfetti in passato ha fatto anche spot molto carini. Questo invece è davvero osceno. E autolesionistico.
Permalink 23.02.07 @ 00:54
Commento di: luigi [Visitatore]
dopo mangiato mastica daigum e vedrai che l'alito sara' sempre fresco ... e' un iperbole
Permalink 23.02.07 @ 11:36
Commento di: Karzar [Visitatore]
Non e' la prima volta che l'agenzia in questione realizza spot di gusto "opinabile". Questo sinceramente non è disgustoso come molti dicono ma assolutamente non accattivante.
Non dimentichiamoci che l'azienda in questione, la produttrice delle gomme, lavora in ambito di quasi monopolio. Hanno una distribuzione capillare che farebbe invidia a qualsiasi azienda di questo tipo.
In sintesi. Possono fare quello che vogliono. Anche delle pubblicita' di basso livello come questa.
Permalink 24.02.07 @ 09:20

Lascia un commento:

La tua email non comparirà nel sito.
Il tuo URL sarà visualizzato.
Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
Opzioni:
 
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email & url)



authimage

Pubblicità marketing, eventi: tutti martelli pneumatici che ci perforano il cervello. Okay, qui ci vuole Spotanatomy, il rimedio giusto contro la melassa comunicativa. Ironia in dosi massicce, indiscrezioni pepate, vetriolo per i recidivi, anticipazioni gustose. Non ha controindicazioni e può essere preso più volte al giorno.
Diventa un delatore!
Segnala la pubblicità ingannevole, quella volgare, quella stupida. Non vincerai nulla, per il momento, ma potrai avere una bella soddisfazione.
Scrivici!
I blogger editor
Magda Paolillo

Co-Editor
Gabriele Paolillo

Blogger
meghi
nyky
undermac
yoriah

designed by:
Borderzero

system by:
B2Evolution

publisher:
Luca Ajroldi
Sitemap