Dettagli del messaggio: Un po' di dati

07.06.06

Un po' di dati

Come è andato il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi 3 mesi del 2006?
Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente si registra un aumento del 4%. La TV la fa da padrona con uno share del 59,8% seguita dalla stampa quotidiana che segna un 19,5% e dalla periodica al 11,8%. Seguono poi gli altri mezzi. Di interessante c'è da registrare il crollo del canale CINEMA, che perde il 18,7% ed il forte incremento di INTERNET che guadagna un 47,9%. Segno che la pubblicità reagisce prontamente, alla crescente popolarità della rete. Ma quali settori investono di più? Nelle prime tre posizioni troviamo rispettivamente: auto, alimentari e telecomunicazioni (che tra l'altro ha registrato la variazione più alta: +29,9%). In ultima posizione il settore Audio/Video con un -45,3% rispetto allo scorso anno.

di nyky 18:00:00
Categorie: 4dummies,
Permalink 4 commenti

Commenti:

Commento di: Nicola D'Agostino [Visitatore] · http://www.nicoladagostino.net/extra/
>il forte incremento di INTERNET che guadagna un 47,9%.

47,9% di quale percentuale complessiva? In altre parole: che fetta rappresenta Internet di quell'8,9% che resta sommando TV e editoria a stampa? :?

nda
Permalink 08.06.06 @ 14:38
Commento di: nyky [Membro]
Ciao Nicola, rispondo alla tua domanda:
la fetta rappresentata da internet è dell'1,7% dello share totale.
Per essere esaustivi ti riporto la suddivisione completa tra i mezzi:

Televisione: 59,8%
Stampa quotidiana: 19,5%
Stampa peridica: 11,8%
Radio: 4,3%
Affissione: 2,1%
Internet: 1,7%
Cinema: 0,7%

Saluti
Permalink 08.06.06 @ 20:04
Commento di: Nicola D\'Agostino [Visitatore] · http://www.nicoladagostino.net/extra/
>Internet: 1,7%

Percentuale che mi pare microscopica: e lo dico con un certo dispiacere... :-/

nda

p.s. Ti ringrazio per i dati completi, che penso troveranno interessanti anche altri visitatori.
Permalink 09.06.06 @ 17:38
Commento di: nyky [Membro]
Effettivamente come percentuale è ancora piuttosto bassa, e ti dirò di più; di solito la rete è scelta come canale pubblicitario, solo in abbinamento ad altri media. Le case editrici, ad esempio, propongono pacchetti che prevedono l'uscita sulla stampa ed in aggiunta la pubblicazione sul sito internet della testata.
Sono ancora pochissime le aziende che fanno una scelta esclusiva della rete.
Permalink 09.06.06 @ 19:17

Lascia un commento:

La tua email non comparirà nel sito.
Il tuo URL sarà visualizzato.
Tag XHTML consentiti: <p, ul, ol, li, dl, dt, dd, address, blockquote, ins, del, span, bdo, br, em, strong, dfn, code, samp, kdb, var, cite, abbr, acronym, q, sub, sup, tt, i, b, big, small>
Opzioni:
 
(Le interruzioni di linea diventano <br />)
(Imposta il cookie per nome, email & url)

Pubblicità, marketing, eventi: tutti martelli pneumatici che ci perforano il cervello. Okay, qui ci vuole Spotanatomy, il rimedio giusto contro la melassa comunicativa. Ironia in dosi massicce, indiscrezioni pepate, vetriolo per i recidivi, anticipazioni gustose. Non ha controindicazioni e può essere preso più volte al giorno.
Diventa un delatore!
Segnala la pubblicità ingannevole, quella volgare, quella stupida. Non vincerai nulla, per il momento, ma potrai avere una bella soddisfazione.
Scrivici!
Guida web 2005 Communicagroup
I blogger editor
Magda Paolillo

Co-Editor
Gabriele Paolillo

Blogger
meghi
nyky
undermac
yoriah

designed by:
Borderzero

system by:
B2Evolution

publisher:
Luca Ajroldi
Sitemap